Il Tuo Ritratto

Accedi all'area riservata

Come siamo cambati

Amo ricordare quei giorni.

Quel pizzico di incoscienza che da gusto alla vita.

La corsa verso il domani.

L’emozione di un incontro desiderato.

Un passaggio difficile affrontato mano nella mano.

Così come un nuovo sapore.

Un sentiero inesplorato, era la vita.

Così eravamo noi.

Ora chi siamo?

Più razionali, calmi, prudenti forse più maturi.

Così è giusto che sia.

Forse qualcosa si è perduto.

Ora il passo sembra lento.

Il paesaggio conosciuto.

I colori pastello.

È vero, ora comprendo il peso di un silenzio.

L’urlo di una parola non detta.

Ora un tuo pensiero ha la mia voce.

Ma,” quanto amo ricordare quei giorni”.